Casa Galasso #1

Si avviava una storia – sulle orme di Benedetto Croce, condivisa con Raffaele Ajello, Mario Del Treppo, Arnaldo Venditti, Alberto Varvaro, Raffaello Causa, Domenico Demarco, Fulvio Tessitore, Franca Assante, Nicola Spinosa, Aurelio Musi, Giovanni Vitolo, Aurelio Cernigliaro e molti altri esponenti di rilievo della nostra storiografia – focalizzata sul ruolo dell’istituzione da lui diretta e della rivista, l’Archivio storico per le province napoletane, come punti di riferimento a livello non solo locale, ma nazionale. Galasso individuava precocemente l’importanza del coinvolgimento di esponenti del mondo della cultura e della società civile, che unissero all’amore per le proprie radici culturali una proficua capacità di trasmettere il messaggio della Società al di là degli addetti ai lavori. Agire in essa significava infatti avere rispetto per una tradizione che univa, in nome di una sana e costruttiva erudizione, di rispetto per le fonti, scientificamente analizzate, accademici e cultori di storia a vari livelli.